Secret concert: Dead Western & Phill Reynolds

Secret concert: Dead Western + Phill Reynolds – Libreria Zabarella, Padova, 27/04/15

Arrivo e la musica è appena iniziata. Il concerto è nella libreria Zabarella, un locale incastonato dentro al palazzo storico oggi sede del Centro Universitario.

La location è rimasta segreta fino a poche ore fa, come da regola per tutti i secret concert organizzati da www.everywheregigs.com .

Ad aprire è Phill Reynolds: brividi come al solito. Lui ho già avuto il piacere di ascoltarlo ad un altro concerto Everywheregigs assieme a Threelakes, sempre a Padova.
Senza insistere troppo sulla voce oggettivamente pazzesca che si ritrova, la parola che mi viene in mente mentre me lo vedo suonare davanti è: menestrello.
O storyteller se preferite, il senso è quello: è uno di quei musicisti che ti racconta di te stesso e ti costringe a guardarti dentro mentre ascolti, e il silenzio in sala durante i suoi pezzi sembra dar conferma del mio pensiero.

Dopo circa mezz’ora lascia spazio al collega, che parte a suonare dopo un breve soundcheck e pausa birretta offerta gentilmente a tutti ad uno degli ingressi della libreria.

Schermata 2015-05-25 alle 13.17.32

Dead Western è Americano: più nello specifico di Sacramento, California.
Forse a causa delle prime foto che google immagini propone di lui (vedi qui sotto), mi aspetto un tizio alquanto eccentrico, e come primo approccio resto un po’ delusa.

dw pr foto4

Ma mi sbaglio. Il signore ben pettinato con la camicetta infilata nei levi’s blu basic inizia a cantare con quella voce che non si capisce da dove la stia tirando fuori e che accompagna con un repertorio di coerentissime facce da pazzo che mi fanno ricredere subito.
Questa volta, come (non) si vede dalla foto, le luci sono spente e l’illuminazione entra dalla strada. Ciliegina sulla torta: inizia a piovere!
Mi chiedo se il carissimo Simone Fogliata abbia organizzato anche questo.
I primi istanti di gioia per la perfezione dell’atmosfera lasceranno poi spazio alla disperazione dell’essere venuta in bici.
Ma questa è un’altra storia.

Gran bel concertino e complimenti a tutti

La prossima volta però qualcuno apra youtube che gliela mettiamo anche al buon Phill una playlist “rainymood” di sottofondo!

 

Serena Tempesta


The Author

Punk Vanguard

Comments

Leave a Reply