Cheap Mondays

DUBLIN INVESTIGATION Alla ricerca dei nuovi volti della musica indipendente
A cura di Shane McKeane
D. I. ogni settimana scova per voi giovani band provenienti da tutto il mondo, pressoché sconosciute al grande pubblico, ma aventi un sicuro potenziale e vogliose di farsi sentire. La scena indipendente si mostra a voi, presentata dal vostro fidato e fedele investigatore McKeane!

Words i’d love to tell you
But what to say if you can’t be mine
You’re counting the minutes
Time has never been on my side
Cheap  Mondays – Oude Kerk

C’è da chiedersi come possano essere italiani, questi 5 ragazzi di Bergamo che rispondono al nome di Cheap Mondays. Chi li senta per la prima volta potrebbe pensare provengano da qualche sobborgo di Londra, o magari di Liverpool. Testi elevati, dall’ottimo e mai banale inglese, che parlano d’amore, coniugato nella sofferenza, nella timidezza e nell’incertezza delle speranze giovanili. Metafore ed immagini cariche di poesia vengono accompagnate dal ritmo frenetico dell’indie d’oltremanica, che ispira costantemente questi 5 ragazzi bergamaschi. Nel palcoscenico indie italiano si sono fatti molto sentire, aprendo i Cinematics a ‘La Casa 139’ di Milano e i Crystal Fighters al Tunnel NME Club, sempre a Milano.Inoltre, contano perfino una data a Londra al Troy Bar in occasione dell’Oxjam Festival. L’unica loro produzione, finora, porta il titolo di ‘Love’s The Most Expensive Comedy’, un album autoprodotto che conta 12 tracce, sapientemente poste in modo da non lasciare fiato all’ascoltatore. Fra tutte spicca ‘Petals’, brano che esprime la completa essenza dei Cheap Mondays, melodicamente e liricamente. Tra le altre, ‘Neonlight Queen’ si distingue per l’eccellente ritmo di batteria, in puro stile Silent Alarm dei Bloc Party; mentre ‘Let This Night Tread On Us’ presenta un testo malinconico, dove Francesco Bianchi ricorda l’amore passato e le speranze per il futuro.

L’unica canzone non presente nel loro primo album indipendente è ‘Damasco’, il loro primo vero e proprio singolo, che per certo funge da apripista per il loro prossimo album, tutt’ora in lavorazione.

Someone could wonder how could these 5 fellas from Bergamo, together forming Cheap Mondays, be Italian. At first listen, someone could think they come from some suburb of London, or from Liverpool. Lofty lyrics, written in a perfect and never trivial English, that talks about love, translated into the suffering, the shyness and the uncertainty, typical of the youthful hopes. Metaphors and images, loaded with poetry, are accompanied by British indie’s frantic rhythm, which constantly inspires these 5 guys from Bergamo. In the Italian indie scene they’ve became quite famous, being the opening act for The Cinematics at the ‘Casa 139’ in Milan and for Crystal Fighters at the NME Tunnel Club, again in Milano. Moreover, they’ve played at the Troy Bar, in London, during the Oxjam Festival. Their only production to date, is ‘Love’s The Most Expensive Comedy’, a self-produced album within 12 tracks, placed to leave the listener breathless. ‘Petals’ stands out among all, a song that expresses the full essence of Cheap Mondays, melodically and lyrically. Among others, ‘Neonlight Queen’ can be distinguished for its excellent drum beat, in a perfect Silent Alarm-style, while ‘Let This Night Tread On Us’ presents melancholic lyrics, where Francesco Bianchi talks about the past love and his hopes for the⿯future.

Posto qui il video di ‘Damasco’ e il link del loro Myspace e della pagina di Facebook:

http://www.facebook.com/pages/Cheap-Mondays/83154968064
http://www.myspace.com/cheapmondays


The Author

Punk Vanguard

Comments

Leave a Reply